Slider
Slider

LEGGI IL REGOLAMENTO

Vuoi sapere come partecipare? Ti basta leggere il regolamento

PARTECIPA

Iscriviti, realizza il video che racconta la tua idea di pace e caricalo sul nostro portale

VOTA

 Registrati al portale e vota i tuoi video preferiti.

pace s.f. [lat. pax pacis]. – a. Condizione di normalità di rapporti, di assenza di guerre e conflitti, sia all’interno di un popolo, di uno stato, di gruppi organizzati, etnici, sociali, religiosi, ecc., sia all’esterno, con altri popoli, altri stati, altri gruppi. b. Stato di tranquillità e serenità spirituale, non turbata da timori o affanni.

I luoghi dove siete sereni e vi sentite sicuri, dove vi divertite o vi riposate, dove entrate in contatto con la natura o con voi stessi, non sono scontati per ogni ragazzo del mondo. Solo in un paese senza guerra è davvero possibile starsene in pace e sentirsi bene.

Crea un video che spieghi la tua idea di pace attraverso la scelta di un luogo. Leggi i nostri spunti di lavoro per realizzare il tuo video.

I video idonei saranno pubblicati sul sito e potranno essere votati. Che aspetti? Partecipa anche tu!

Emergency, con i suoi ospedali e i suoi ambulatori, è un luogo di pace per tante persone, perché offre cure gratuite e di qualità a chi, a causa della guerra, ha perso i propri diritti fondamentali.

GUARDA ALTRI VIDEO

La sensazione di pace che ci pervade quando giochiamo, leggiamo, ascoltiamo musica, facciamo sport è una conseguenza della condizione di pace in cui vive il nostro paese. In Afghanistan, un ragazzo di 12 anni può essere sorpreso da una scheggia o da un proiettile perfino mentre dorme nella sua cameretta. Tutti avrebbero diritto a stare bene e a sentirsi sicuri a casa propria, nel proprio luogo di pace.

Io sono un chirurgo. Ho visto i feriti (e i morti) di vari conflitti in Asia, Africa, Medio Oriente, America Latina e Europa. Ho operato migliaia di persone, ferite da proiettili, frammenti di bombe o missili.

A Quetta, la città pakistana vicina al confine afgano, ho incontrato per la prima volta le vittime delle mine antiuomo. Ho operato molti bambini feriti dalle cosiddette “mine giocattolo”, piccoli pappagalli verdi di plastica grandi come un pacchetto di sigarette…